Categoria: Friuli Venezia Giulia

Il Collio friulano e il Castello di Spessa

Per gli amanti del turismo slow una tappa obbligatoria è l’area collinare della provincia di Gorizia. Il Collio friulano si estende a ridosso del confine con la Slovenia ed è sinonimo di vini di alta qualità. Circa 1.600 ettari di vigneti fanno da sfondo a questo territorio, alle sue ville antiche, ai suoi castelli e ai suoi piccoli borghi. Se hai voglia di passare una giornata all’insegna del relax e del buon vino, ti consiglio la visita del Castello di Spessa. Sarai avvolto da un’atmosfera fiabesca e da un parco maestoso che si affaccia su magnifici vigneti.

Continua a leggere
Cosa vedere a Spilimbergo, bellissimo borgo del Friuli

Spilimbergo, borgo dalle origini antiche, si trova in Friuli Venezia Giulia, più precisamente in provincia di Pordenone.

Oltre che per il suo fascino, è conosciuta per essere la “Città del mosaico”. Infatti, Spilimbergo ospita la Scuola Mosaicisti del Friuli, istituita nel 1922 e celebre in tutto il mondo.

Continua a leggere
Pieve di San Pietro e Sentiero CAI 162

Se vuoi raggiungere due luoghi mistici e respirare pace a pieni polmoni, ti consigliamo il sentiero CAI 162. Noi siamo partiti da Sezza di Zuglio per poi raggiungere la Pieve di San Pietro in Carnia. L’itinerario è semplice e di breve durata.

Continua a leggere
Laghetti Pakar

A soli 2 chilometri dalla Riserva Naturale del Lago di Cornino, si trovano i Laghetti Pakar, due specchi d’acqua a carattere carsico dalle splendide acque cristalline.

Continua a leggere
Lago di Cornino e Tagliamento, le perle del Friuli

Ti portiamo a scoprire il bellissimo Lago di Cornino, cuore ed elemento naturalistico per eccellenza della Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino. La bellezza del lago si deve alle sue acque cristalline dal colore blu e verde smeraldo, con sfumature di colore azzurro. Tale colore è dovuto alle alghe che lo popolano.

Continua a leggere
Portopiccolo lussuoso borgo marinaro

Portopiccolo è un borgo marinaro di recente costruzione, sorto in seguito alla riqualificazione di una cava di pietra che fu abbandonata nel corso degli anni settanta.
È incastonato nella riserva naturale delle Falesie di Duino.

Continua a leggere
Torna in alto