Abu Dhabi, fra tradizione e modernità

Durante il nostro soggiorno a Dubai abbiamo deciso di fare visita ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti; in macchina ci vuole circa un’ora e mezza per raggiungerla.

Abu Dhabi
Moschea dello Sceicco Zayed

Per prima cosa, ci siamo recati alla spettacolare e candida 

Moschea dello Sceicco Zayed

Si tratta di una delle più grande moschee al mondo. Il suo profilo e il candore del bianco quasi accecante non lasciano al visitatore la possibilità di immaginare cosa si cela all’interno della moschea.

L’interno, infatti, è molto sfarzoso ed è impreziosito dall’uso massiccio di oro, ricami floreali sui tappeti e sulle mura, e da splendidi lampadari. La sala di preghiera principale è dominata da uno dei più grandi lampadari a bracci del mondo: 10 metri di diametro, 15 metri di altezza e oltre 9 tonnellate di peso.

Abu Dhabi
Moschea dello Sceicco Zayed

La moschea è circondata da grandi vasche d’acqua riflettenti che ne amplificano la bellezza. I suggestivi colori bianco e oro scintillano sotto il sole, mentre durante la notte sono sostituiti da un sistema di illuminazione unico nel suo genere, che rispecchia le fasi lunari.

Per entrare ci vuole un abbigliamento adeguato con braccia e gambe coperte. Le donne devono usare delle accortezze in più: devono indossare l’abaya che può essere noleggiato gratuitamente.

Come in qualsiasi moschea, prima di entrare, bisogna togliersi le scarpe.

La seconda tappa del nostro tour è stato l’Emirates Palace.

L’Emirates Palace è l’hotel più lussuoso di Abu Dhabi.

Da non perdere la scenografica scalinata, i giardini, le fontane con giochi d’acqua e, in generale, la vista d’insieme su questo magnifico edificio, sormontato da più di 114 cupole, fra cui quella del Grand Atrium.

All’interno  è possibile visitare  le “lobby”, ovvero le aree che compongono il monumentale ingresso: un tripudio di oro, Swaroski e marmi di 13 differenti colori, corrispondenti alle sfumature del sole nel deserto: dal giallo dell’alba al rosso del tramonto.

Per godere appieno dell’atmosfera di questo affascinante hotel, vi consigliamo di andare al bar Le Café, che si trova subito dopo il salone di ingresso. Ordinate il cappuccino con scagliette d’oro 24 carati commestibili o il gelato con foglia d’oro.

Abu Dhabi
Emirates Palace

Prima di recarci verso l’ultima meta del nostro giro, abbiamo fatto sosta al  Jumeirah at Etihad Towers Hotel.

Per rendervi conto di cosa sia Abu Dhabi e di come sia stata costruita, praticamente dal nulla in mezzo al deserto, provate a guardarla dall’alto.

Una delle viste più spettacolari si ha dal 74esimo piano del Jumeirah at Etihad Towers Hotel, dove c’è il punto di osservazione.

Abu Dhabi
Jumeirah at Etihad Towers Hotel

La vista della distesa di grattacieli e dell’agglomerato di costruzioni, con le sue luci e i suoi giochi di colore, vi lascerà a bocca aperta.

Ed infine: l’incontaminata Corniche di Abu Dhabi

Una fantastica meta all’ aperto dove le passerelle sul mare e i sentieri ricchi di panchine e giardini si affacciano sulle acque cristalline dello splendido Golfo Arabico.

Le spiagge della Corniche sono davvero un ottimo punto di balneazione tanto da aver conquistato laBandiera Blu per la qualità delle sue acque.

Godetevi una passeggiata in riva al mare e fermatevi a guardare il tramonto sul mare.

La vista è mozzafiato.

Se volete vedere altre foto visitate il nostro profilo Instagram  https://www.instagram.com/viaggio_contigo